Cultura, tradizioni ed enogastronomia a Udine. Vivi l'esperienza Friuli DOC per conoscere il territorio e le sue eccellenze. Udine 8-11 settembre 2016

Udine una città da scoprire

Udine, nel cuore della provincia friulana, offre al visitatore un preziosissimo centro storico.

Le influenze veneziane sono predominanti dal punto di vista architettonico, ma il cuore della città svela i suoi tesori architettonici.

Friuli Doc è anche un'ottima occasione per scoprire Udine, lasciarsi affascinare dalle sue eleganti piazze, oppure camminare tra palazzi antichi, ammirare i dipinti di Giambattista Tiepolo, fare shopping nei negozi del centro e sperimentare l'atmosfera delle osterie tipiche per bere un tajut (calice di vino).

Per prenotare un soggiorno a Udine, potete approfittare del Club di prodotto City Stay, che riunisce strutture ricettive di alta qualità e servizi studiati ad hoc, tra cui (per un pernottamento di minimo due notti) la FVG Card 48, il pass di due giorni che permette l'accesso gratuito alle principali sedi museali e molto altro ancora.

Gli amanti dell'arte e della storia non possono non immergersi nelle atmosfere mitteleuropee di Trieste, col bellissimo Castello di Miramare affacciato sull'Adriatico, oppure fare un viaggio nel tempo, visitando la romana Aquileia o la città longobarda di Cividale del Friuli.

Se, dopo Friuli Doc, volete assaporare i piatti tipici dell'enogastronomia friulana direttamente sul territorio, potrete vivere un'indimenticabile esperienza per il palato grazie al Club Taste Experience, che raggruppa ristoranti, trattorie, osterie con cucina e agriturismi.

Chi, invece, preferisce scoprire i mille volti del Friuli Venezia Giulia, dalle spiagge alle splendide montagne, passando per le verdi colline, oppure ancora vuole esplorare la regione in bicicletta, può trovare i Club di prodotto che più si adattano ai suoi desideri, scegliendo tra quelli proposti da TurismoFVG.

Per informazioni:

Turismo FVG - Udine

tel. 0432 295972

Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

www.turismofvg.it

(fonte Wikipedia)

Architetture di piazza Libertà e del castello

Loggia del Lionello

Affacciata sulla centrale piazza Libertà (in precedenza chiamata Contarena e "Vittorio Emanuele II"), è una loggia pubblica in stile gotico veneziano, i cui lavori iniziarono nel 1448 ad opera di Bartolomeo delle Cisterne su disegno dell'orafo Nicolò Lionello e terminarono nel 1457. Nei secoli a seguire subì varie modifiche e, a seguito del rovinoso incendio che la distrusse nel 1876, fu restaurata da Andrea Scala che tenne fede ai disegni originali. Gran parte delle opere che erano presenti all'interno sono ora conservate nel museo della città. Fra queste ricordiamo il ciclo di tele della Serenissima Repubblica di Venezia e la Madonna con bambino di Giovanni Antonio de' Sacchis, datata 1516.


Loggia e tempietto di San Giovanni

Di fronte alla loggia del Lionello si trovano la loggia ed il tempietto di San Giovanni, erette nel 1533 dall'architetto lombardo Bernardino da Morcote. La loro realizzazione comportò numerosi problemi, sia sul piano urbanistico che pratico. L'opera che ne risultò ha un vago sapore brunelleschiano. La chiesa, anticamente dedicata a san Giovanni, ora è adibita a tempietto ai Caduti. Sempre di fronte alla loggia del Lionello, si ergono le statue di Ercole e Caco, attribuite ad Angelo de Putti.


La loggia di San Giovanni con la torre dell'Orologio

Torre dell'Orologio

Inglobata nella loggia di San Giovanni, la torre fu costruita nel 1527 su disegno di Giovanni da Udine che si ispirò alla torre veneziana di piazza San Marco. Alla sua sommità sorgono i due mori che battono le ore su una campana, le attuali sculture in rame risalgono al 1852 ed hanno sostituito quelle originali in legno.


Arco Bollani e chiesa di Santa Maria in Castello

Da piazza Libertà si prosegue lungo la salita del Castello, dove poi si attraversa l'arco Bollani, del 1556, progettato da Andrea Palladio e sormontato dal leone di San Marco. Si percorre quindi la loggia del Lippomano, datata 1487. Si giunge così alla chiesa di Santa Maria di Castello, la più antica della città. Alla chiesa di Santa Maria è addossata la "casa della Confraternita", edificio medievale restaurato nel 1930. Accanto sorge l'"arco Grimani" eretto nel 1522 in onore del doge omonimo, originariamente situato in via Portanuova e qui ricomposto nel 1902, attraverso l'arco si giunge al piazzale del castello.


Il castello

L'imponente costruzione domina il colle e l'intera città di Udine. Da tempo immemorabile, era presente sul colle un sito fortificato testimoniato dai resti neolitici e romani ritrovati sul colle del castello. Dopo numerosi rimaneggiamenti quest'ultimo fu gravemente danneggiato nel terremoto del 1511. Il 2 ottobre 1517 fu dato avvio alla ricostruzione, che tuttavia si protrasse a lungo nel tempo, per mancanza di fondi, vastità e complessità dei lavori. Questi vennero inizialmente affidati a Giovanni Fontana, che però lasciò la città rinunciando all'incarico nel 1519.


La casa della Contadinanza

L'aspetto romano-cinquecentesco dell'edificio, che lo rende più simile ad una residenza signorile che ad un'infrastruttura militare, è dovuto all'intervento di Giovanni da Udine, che, a partire dal 1547, riprese e portò a termine il cantiere. Altre modifiche interne furono apportate nei secoli successivi per poterlo adibire agli usi più vari: carcere, caserma, sede municipale ecc. Il castello ospita il salone del Parlamento della Patria del Friuli risalente al XII secolo è uno dei più antichi d'Europa.

Udine collage


Sullo spiazzo erboso alla sommità del colle del castello, sorge la casa della Contadinanza in cui risiedevano i rappresentanti dei contadini friulani, terzo corpo politico della Patria del Friuli. Quella attuale è la copia qui ricomposta nel 1931 di un edificio risalente al XVI secolo che si trovava tra via Vittorio Veneto e via Rauscedo. L'edificio ha in seguito ospitato l'armeria del castello e nei tempi più recenti è stato adibito a locale per la degustazione di prodotti tipici friulani.

Regione FVG Turismo FVG Turismo FVG Camera Commercio Udine Confartigianato Udine Università degli studi di Udine Logo confcommercio Logo CNA Comune di Udine

Questo sito si avvale di cookie tecnici, di cookie analitici e di altri cookie, anche di terze parti, necessari per il funzionamento, per interagire con social network e per usufruire di servizi offerti dal sito. Chiudendo questo banner o accedendo a un'altra pagina del sito acconsenti all’uso dei cookie. Se vuoi saperne di più o negare il consenso a tutti o ad alcuni cookie, consulta la cookie policy. Leggi la nostra Informativa estesa per saperne di più.

#FriuliDoc23